Regole Omaha Poker: punteggi, mani migliori e strategia

In questo articolo approfondiamo l’Omaha Poker, una delle varianti del famoso gioco di carte che sta appassionando sempre più giocatori. Possiamo definirlo un gioco che deriva dal Texas Hold’em: come vedremo più avanti infatti le regole dell’Omaha ricalcano le regole del poker Texas se non per due eccezioni. Prima di andare a vedere nel dettaglio quali sono le regole dell’Omaha poker, i punteggi e le migliori strategie di gioco vogliamo mettervi in evidenza il confronto delle offerte e delle promozioni per il poker proposte dai bookmaker riconosciuti AAMS :

Multiregistrazione
5 /5
Leggi La Recensione

bonus

80€ no dep + 1200€*

VISITA IL SITO

18+ | Si Applicano T&C

Pokerstars
5 /5
Leggi La Recensione

bonus

Fino a 140€*

VISITA IL SITO

18+ | Si Applicano T&C

888
4.8 /5
Leggi La Recensione

bonus

8€* NO DEP + FINO a 500€*

VISITA IL SITO

18+ | Si Applicano T&C

Snai
4.9 /5
Leggi La Recensione

bonus

FINO a 1050€*

VISITA IL SITO

18+ | Si Applicano T&C

Planetwin365
4.2 /5
Leggi La Recensione

bonus

Fino a 1000€*

VISITA IL SITO

18+ | Si Applicano T&C

Gioco Digitale
4.4 /5
Leggi La Recensione

bonus

Fino a 500€*

VISITA IL SITO

18+ | Si Applicano T&C

Lottomatica
4.8 /5
Leggi La Recensione

bonus

Fino a 950€*

VISITA IL SITO

18+ | Si Applicano T&C

Sisal
4.6 /5
Leggi La Recensione

bonus

Fino a 1010€*

VISITA IL SITO

18+ | Si Applicano T&C

Eurobet
4.4 /5
Leggi La Recensione

bonus

Fino a 1000€*

VISITA IL SITO

18+ | Si Applicano T&C

Visualizza più offerte

Regole Omaha Poker: come giocare

Il Poker Omaha può essere giocato con solo 2 giocatori e fino a un massimo di 9 partecipanti. Come nelle varianti tradizionali si gioca con un mazzo di carte francesi senza l’uso dei jolly. Ogni mano è composta da quattro giri di puntate.  Come accennavamo poc’anzi sono due le differenze principali dal texano: la prima è nel numero di carte, le hole cards, in mano ad ogni giocatore. Secondo le regole Omaha poker ogni giocatore riceve quattro carte coperte, chiamate carte coperte (dunque, 2 in più rispetto al Texas). L’altra peculiarità dell’Omaha Poker è che ogni giocatore deve usare obbligatoriamente due delle sue carte, e soltanto due, per formare il punto. 

Come giocare a Omaha? Distribuite le 4 carte ad ogni giocatore c’è il primo giro di puntate. Le fasi di gioco dell’Omaha Poker sono praticamente identiche a quelle di una mano alla texana. Il mazziere (o dealer) infatti posiziona sul tavolo cinque carte comuni in tre diverse fasi, come avviene nel Texas Hold’em:

  • flop: 3 carte comuni scoperte al centro del tavolo.
  • turn: viene scoperta un’altra carta al centro del tavolo
  • river: viene scoperta la quinta ed ultima carta al centro del tavolo

Dopo ogni fase c’è un giro di puntate in cui ogni giocatore può comportarsi tranquillamente come nel poker classico. Le azioni disponibili dunque sono ‘fold’, ‘check’, ‘bet’, ‘call’ o ‘raise’. Se al termine dell’ultimo giro di puntate sono rimasti in gioco più giocatori, il primo a mostrare le carte è colui che ha effettuato l’ultima puntata o l’ultimo rilancio. Se nel giro finale non ci sono state puntate, il giocatore alla sinistra del bottone è il primo a mostrare le proprie carte. La miglior mano di cinque carte, di cui due proprie, vince il piatto. Dette le regole Omaha poker generali bisogna andare nel dettaglio perché dello stesso gioco esistono delle varianti che andiamo a vedere subito nel dettaglio.

Regole dell’Omaha hi-lo

Udite, udite secondo la versione delle regole Omaha Hi-Lo vince anche chi ha la peggior mano in questa variante. Nell’Hi-Lo infatti il piatto viene diviso in due parti uguali: una viene data alla high hand e l’altra al miglior punto minore. Se non esiste alcuna mano bassa valida, l’intero piatto andrà alla mano alta. Dunque, secondo questa variante i giocatori si muoveranno cercando di prendere una delle due strade in base alle carte che hanno in mano. 

Omaha regole: le varianti Limit, Pot limit e limit

In base alle puntate che ogni giocatore può fare ci sono tre versioni di poker Omaha: limit, pot limit e no-limit. Nella variante Limit sono consentite al massimo 4 puntate per ogni giro: primo bet, rilancio, un secondo rilancio e rilancio finale. Gli importi di puntata e rilancio dipendono dai limiti del tavolo.
Nella versione Pot Limit non ci sono, invece, limiti di rilanci e l’importo massimo che un giocatore può puntare o rilanciare è la dimensione del piatto. Nel Pot Limit la puntata minima dipende dal big blind.
Infine, nella variante No Limit non ci sono limiti al numero di rilanci. La puntata minima anche in questo caso equivale al big blind ed i giocatori non hanno limiti di puntata se non la somma di tutte le loro chips.

Volete mettere subito in pratica quanto letto? Eccovi una lista di tornei poker online che comprendono anche la versione Omaha: 

TORNEI FREEROLL OGGI
BOOK
INFO
VEDI
Buy-in: FREE
Premio: 1000€
Orario: 20.30
Visita sito
Buy-in: FREE
Premio: 100€
Orario: 16.00
Visita sito
Buy-in: FREE
Premio: 100€
Orario: 21.00
Visita sito
Buy-in: FREE
Premio: 500€
Orario: 20.00
Visita sito
Buy-in: FREE
Premio: 100 €
Orario: 19.30
Visita sito

Punteggi dell’Omaha poker

Dopo aver visto come giocare a Omaha andiamo a vedere i punti di questa variante. Secondo i punteggi dell’Omaha poker il punto più forte in questa variante è la Scala Reale, cioè una scala massima (da 10 ad A). Per vincere all’Omaha Poker sono necessarie delle skills particolari: maggiore tecnica rispetto al Texas Hold’em e maggiore conoscenze delle odds (probabilità di accadimento dei vari punteggi). Ecco tutti i punteggi Omaha Poker:

  • Scala reale: Scala da 10 all’asso con tutte le carte dello stesso seme.
  • Scala a Colore: Scala con 5 carte dello stesso seme, in ordine.
  • Poker: 4 carte uguali.
  • Full: la combinazione di 3 carte uguali più una coppia.
  • Colore: 5 carte dello stesso seme, non in sequenza.
  • Scala: 5 carte in sequenza, con semi diversi.
  • Tris: 3 carte uguale.
  • Doppia coppia: Qualsiasi combinazione di due coppie di carte uguali.
  • Coppia: Qualsiasi combinazione di due carte uguali.
  • Carta alta: nessun punto, solo la carta posseduta con valore più alto (Max Asso – Min 2).

Nel nostro blog trovi anche l’articolo dedicato ai punti del poker delle varianti classiche. 

Strategia Omaha Poker: quali sono le mani migliori?

È possibile parlare anche ad Omaha poker di strategia? Ovvio, anzi è fondamentale poiché siamo davanti ad una variante che si basa tutta sul fare progetti in base alle carte che si ricevono. Spesso capita in questa variante di dover investire un numero elevato di chip senza avere una mano completa. Può sembrare banale da dire ma la strategia omaha poker principale è fare progetti per la mano più alta, il “nut”. Di seguito alcuni consigli che riteniamo utili per imbastire una buona strategia omaha poker:

  • Poker Omaha mani migliori: in questo gioco ci sono oltre 270.000 combinazioni di mani di partenza, gran parte delle quali non sono esattamente giocabili, per quanto belle possano apparire. Le mani migliori a Poker Omaha in assoluto sono quelle con le due coppie più forti suited, esempio AAKK: questa mano di partenza oltre a comprendere le due coppie più forti del poker da la possibilità al giocatore di chiudere colore nuts.
    Dunque, è fondamentale pensare al valore potenziale di una mano, non solo a quello nell’immediato. Tra le mani migliori poker Omaha segnaliamo: AAKK, AAJT, AAQQ, AAJJ, AATT, AA99, KKQQ, KKJJ. 
  • Non sopravvalutare gli assi: uno dei primi errori è dare troppo peso a determinate mani, in particolare alla coppia di assi, che ha meno chance di vincere, per esempio, di 7-8-9-10 tutte dello stesso seme. A proposito di coppie, attenzione a non sovrastimare anche altre coppie alte come AA, KK e QQ. Queste sono ottime mani nel pre-flop, ma, prima di costruirci intorno il proprio progetto è fondamentale bisogna valutare vari fattori, su tutti il numero di giocatori nel pot
  • Non Giocare rundown e coppie bassi: I rundown bassi hanno scarse possibilità di centrare progetti nut o mani completate forti. Anche le mani che comprendono coppie basse non portano solitamente a buoni risultati. Senza possibilità di progetti backdoor, le coppie basse infatti vengono spesso facilmente dominate dai range degli avversari, quando il board si accoppia o ci sono possibilità di scale o colori.
  • Posizione: nell’Omaha più delle altre varianti è fondamentale la posizione. Ad esempio, giocare in una delle ultime posizioni è molto vantaggioso poiché consente al giocatore di avere un sacco di informazioni sugli avversari. Quando si è fuori-posizione assumere un atteggiamento molto tight è fondamentale poiché si possono perdere meno piatti. Dunque, altro esempio chiarificatore: secondo una corretta strategie Omaha Poker non bisogna mai contro-rilanciare un flop da una delle prime posizioni, perché si vanno a mettere soldi su un piatto di cui si sa poco.