Casino Superscommesse

Trucchi e promozioni per vincere al casino

Raccolta Casinò online scesa del 12,5 % a febbraio

| commenti

Roma – Dopo un gennaio stellare, leggero calo per i Casinò online in Italia a febbraio. Nel secondo mese del 2012 la raccolta dei casinò online è arrivata a quota 320 milioni di euro, in calo del 12,5 % rispetto ai 365,7 milioni di euro raccolti a gennaio.

Raccolta Casinò online febbraio: è crisi?

Tra gennaio e febbraio ballano circa 45 milioni euro di differenza nella raccolta dei Casinò online in Italia. Tale dato deve essere visto come l’inizio di una crisi per i giochi da casinò online? La risposta è decisamente no. Prima di tutto bisogna considerare che febbraio ha potuto contare su 2 giorni di raccolta in meno rispetto al mese precedente. In riferimento a ciò e considerata la media quotidiana della giocate, il ribasso passa dal 12 % al 6 %. E poi…

Il payout resta elevato

Crisi scongiurata se si considerano i dati relativi al payout, ossia la somma restituita ai giocatori sotto forma di vincite. In particolare a febbraio gli utenti dei casinò online hanno incassato 310,4 milioni di euro, con una spesa effettiva intorno ai 10 milioni di euro. Quindi un payout che anche per il mese di febbraio resta elevato.

Incassi maggiori per Microgame e Eurobet

Tra i vari operatori di mercato italiani spicca il risultato raggiunto da Microgame, capace di registrare giocate per 22,7 milioni di euro. Buoni nell’ordine anche gli incassi ottenuti da Eurobet, Betclic e dal Casino Live di  888.it, supportato dagli eccellenti risultati di The Money Drop e Affari Tuoi. Per il segmento poker cash resta leader per incassi PokerStars, con una raccolta di oltre 205 milioni di euro.

Dati in ribasso anche per la raccolta Poker febbraio

Anche il segmento Poker Cash, dopo un gennaio super, segna dei risultati al ribasso per il mese di febbraio. Si passa dagli 883,5 milioni di euro di raccolta del primo mese del 2012 a una cifra inferiore agli 800 milioni di euro di febbraio. In questo caso contrazione del 10 %, con payout intorno ai 770 milioni di euro.